Top Zone Consultant per l’Europa, specializzata nell’applicazione della Strategia Nutrizionale Zona direttamente con il dr. Barry Sears, con il quale è co-autrice dei libri Il Bello della Zona, La zona del Futuro, Magri per Sempre e La Zona Mediterranea.

Contatti

Piazza Nicolò Tommaseo 2/A 20123 Milano
Studio: +39 335 46 63 34

Il blog di Daniela Morandi

Home  /  Il blog di Daniela Morandi

Molte persone ritengono che “nutrirsi bene” significhi evitare determinati alimenti come grassi saturi, cibi fritti e dolci ricchi di zucchero favorendo invece cereali, riso, frutta e verdura. Evitare alcuni cibi favorendone altri sicuramente è un buon inizio, ma è assolutamente solo un inizio. Dobbiamo anche considerare che nel corso degli anni il progresso tecnologico che si accompagna alla sempre maggiore richiesta di cibo ha cambiato radicalmente il modo in cui gli animali

La produzione del collagene -elemento fondamentale per il nostro corpo e soprattutto per la nostra pelle-, inizia a diminuire dopo i vent’anni di età. Accanto a questo processo naturale, molto spesso sono gli errori a tavola oltre alla poca accortezza nella protezione della pelle dagli agenti esterni a peggiorare la situazione. I nemici principali del collagene a tavola sono gli zuccheri che combinandosi con le proteine e i grassi causano la

Oltre ai dolci, si trova in molti cibi che assumiamo quotidianamente, nelle conserve di pomodoro, nell’aceto balsamico, nei cereali per la prima colazione, nel pane, nella pasta. Lo zucchero, non è solo nemico dei denti, ma anche della salute. Mangiar bene non significa eliminarlo, bensì trovare un corretto bilanciamento tra i macro nutrienti, per ottenere una risposta biochimico ormonale ideale nel nostro organismo. Che lo zucchero non sia un cibo

C'è una stretta correlazione fra la nutrizione e l'invecchiamento cutaneo. E' proprio vero che "siamo quello che mangiamo". Mantenere bassi i livelli di infiammazione nel nostro organismo, è il primo fondamentale passo per attutire gli effetti del tempo, senza eccessivi danni. Quello che mi piacerebbe fare in questo numero che conclude un anno, ma soprattutto ne apre uno nuovo, è cercare di dare alla parola nutrizione un’identità e una connotazione ben