fbpx
Top Zone Consultant per l’Europa, specializzata nell’applicazione della Strategia Nutrizionale Zona direttamente con il dr. Barry Sears, con il quale è co-autrice dei libri Il Bello della Zona, La zona del Futuro, Magri per Sempre e La Zona Mediterranea.

Contatti

Piazza Nicolò Tommaseo 2/A 20123 Milano
Studio: +39 335 46 63 34

Blog

Home  /  Dieta Zona   /  Per i CrossFitter la Dieta Zona è un "cult"

Per i CrossFitter la Dieta Zona è un "cult"

La scorsa estate è uscito il libro “Learning to Breathe Fire” di J.C. Herz, un volume che racconta la storia e la filosofia alla base del CrossFit, un tipo di allenamento fisico piuttosto intenso che ha l’obiettivo di rinforzare tutto il corpo.

Da ex atleta sono stata molto contenta di scoprire che nel libro la dieta Zona del Dr. Sears è considerata dai CrossFitter un vero e proprio “cult”, il loro  stile nutrizionale di elezione!

La scelta è ben ponderata: se una corretta alimentazione è fondamentale per chiunque, per chi svolge attività fisica intensa e frequente serve un regime alimentare che non solo supporti la vita di tutti i giorni, ma che sostenga anche il recupero post-allenamento e prepari all’allenamento successivo.

Secondo i CrossFitter la dieta Zona risponde pienamente al loro fabbisogno e li aiuta a raggiungere prestazioni ottimali, amplificando gli effetti del regime sportivo che hanno scelto. Per loro i pasti rappresentano una sorta di prolungamento dell’allenamento.

Quali sono i vantaggi della Dieta Zona per un atleta?

Per raggiungere il vero potenziale di un atleta serve il giusto “carburante” e la dieta Zona risponde perfettamente ai suoi bisogni fondamentali.

Primo fra tutti, l’aumento della massa muscolare a discapito della massa grassa. Durante un allenamento intensivo i muscoli si “consumano” e hanno bisogno di essere rigenerati; i “mattoni” per costruirli sono derivati dalle proteine che assumiamo con il cibo.

Una dieta bilanciata permette anche di ridurre gli “effetti collaterali” dolorosi che seguono a un’intensa attività fisica: gli acidi grassi omega 3, che sono basilari per la Zona, hanno come vantaggio quello di ridurre la produzione delle sostanze infiammatorie che si producono dopo un allenamento.

Da non trascurare, però, il fatto che la dieta Zona deve essere personalizzata non solo calcolando il fabbisogno energetico ma, soprattutto,  la risposta glicemica di ciascuna persona.

Per un atleta di CrossFit, attento al suo benessere a 360 gradi, la dieta Zona rappresenta, quindi, la possibilità di garantirsi performance fisiche, emotive e mentali migliori.
Foto